Primitivo e Aglianico: due vitigni diversi eppure simili nel regalarci due grandi vini pregiati, perfetti nell’abbinamento con i piatti di gusto ma anche per accompagnare preziosi momenti di meditazione. L’edizione 2022 di Radici del Sud, il Concorso dei vini autoctoni del Sud Italia ha visto infatti protagonisti i rossi più pregiati di Tenute Eméra e Cantina Sanpaolo.

Per la categoria “Taurasi” Il nostro Taurasi Riserva DOCG 2015 (nuova annata di prossima uscita) si è classificato al primo posto nella giuria dei  GIORNALISTI ITALIANI e nella giuria GIORNALISTI INTERNAZIONALI. Il nostro Oro di Eméra DOP 2020 si è piazzato al secondo posto nella giuria GIORNALISTI ITALIANI, per la categoria “Primitivo”.

Taurasi Docg Riserva

Claudio Quarta Vignaiolo

Racchiude nel suo magnifico rosso rubino lo splendore un vitigno difficile, come l’Aglianico, ma capace di regalare un vino unico, inconfondibile, il Re del Sud. Un naso intenso di ciliegia, viola mammola, ribes nero, mirtilli, con sfumature di spezie di cannella, pepe nero, terra bagnata e cioccolato. Sorso fine, caldo e avvolgente con tannini eleganti e bilanciati in una morbidezza completata da una piacevole freschezza sul finale. Il nostro Taurasi Docg Riserva nasce nella nistra cantina sanpaolo in Irpinia, la principale area d’elezione dell’Aglianico, dove cresce magnificamente, con la lentezza tipica del Sud, cogliendo i benefici delle forti escursioni termiche che caratterizzano questo territorio.

Oro di Eméra DOP 2020

Claudio Quarta Vignaiolo

Simboleggia la magnificenza delle uve, il tempo paziente dell’attesa che fa maturare i grappoli e affinare il vino. Oro è l’opulenza del gusto, la sua ricchezza, la lentezza della meditazione. Oro è il colore Il di cui il tramonto tinge i terreni dove crescono gli alberelli di Primitivo.  All’olfatto, piccoli frutti maturi a bacca rossa, con nuance floreali di viola e rosa canina. Il sorso è vigoroso, caldo e polposo. Trama tannica presente, con una nuance di spezia dolce sul finale.

Le due giurie di Radici del Sud, composte interamente da giornalisti e operatori nazionali ed internazionali guidate da 4 presidenti: Andrea Terraneo (Presidente Vinarius), Maurizio Valeriani (Vinodabere), Richard Baudains (Decanter), Robert Camuto (scrittore e giornalista della rivista Wine Spectator) hanno degustato più di 350 vini di oltre 135 aziende provenienti da Sardegna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia.

Tag:, , , , , , , ,