Claudio Quarta Vignaiolo

Il vino non è Viola

    La prof. Viola in competizione con la Peronospera nell’apportare danni al vino.

In mancanza della visibilità conquistata con  il Covid, la «Prof.» fa parlare di sé sparando a 0 sul vino. Quando nell’articolo a cui fa riferimento la figura  sostiene che anche l’OMS dice che il vino è dannoso anche in piccole quantità per cui la tolleranza deve essere 0, parla della posizione dell’OMS in seguito a dati pubblicati dalla prestigiosa rivista Lancet nel 2018. Dati derivanti da uno studio del gruppo internazionale Global Burden  of Diseases, nato dalla fondazione Bill Gates e moglie, nel 2018. Ma nel 2022, la stessa Lancet proponeva un nuovo lavoro dello stesso Global Burden  of Diseases arrivando a concludere che il consumo moderato apporta benefici nelle 22 patologie considerate.

In particolare, che un consumo moderato di vino allunga la vita, riduce il rischio di diabete, di malattie cardiovascolari e di disturbi cognitivi secondo la cosiddetta curva «J»: a basse dosi il rischio è ridotto per poi aumentare drammaticamente a dosi elevate.


Ma quello che non si capisce è perché la Viola attacchi il vino, bevanda simbolica i cui benefici si riflettono sulla psiche e  sulla vita familiare e sociale, e che oltre all’alcol contiene numerose sostanze benefiche, e non attacchi, invece, il consumo dei superalcolici o, peggio ancora, in quanto subdoli, le micidiali «bevande energetiche».  

A questo non possiamo rispondere e ci consoliamo con un brindisi con un calice di bianco, proprio come fa la Viola.

Claudio Quarta Vignaiolo


  • Vino
  • consumitore
  • Claudio Quarta Vignaiolo